PIU' di una MAMMA.


A te che sei lì
come un filo d’erba
con le dita ancorate in terra.
A te dico, non aver paura
nessuno potrà mai dimenticarti.
Nessuno potrà mai smettere di amarti
e non ci saranno mai più stagioni
senza ossigeno e venti maestrali
che ti accarezzeranno come onde
che vanno, ma poi ritornano.
Sei stata più di una mamma.
Ogni giorno sei stata
come il sorgere del sole
e malinconiche e forti aurore.

Commenti

Post popolari in questo blog

CON IL PASSAR DEL TEMPO.

AD UNA MAMMA CHE VA. (29/03/2012) Costantino Posa