mercoledì 27 dicembre 2017

SE C'è...REGGE.


Forte il vento che spazza via il firmamento.
Un cielo senza stelle è l'immagine del niente,
poi se manca anche la luna,
viene meno la speranza di sognare ad occhi aperti.
Non basta più neanche il sole a scaldare il nostro cuore
se di là non c'è più nulla.

Le comete sono sentieri che ci portano alle mete
e se il sole ogni tanto sbuffa è perché è sconcertato di vedere
che in fondo al buio conta solo il dispetto.
Mi sa che all'aurora sorge anche il sospetto
che la notte è un'invenzione
di chi si nasconde per non essere scoperto...
per fortuna c'è sempre il vento che riporta il momento.
Tutto il resto vien da se, se con me ci sei sempre te.

sabato 16 dicembre 2017

SE NON CI FOSSE STATO IL TEMPO.


E se il tempo non fosse mai esistito
Forse tutto questo non sarebbe mai accaduto.
Forse non avresti mai pianto.
Forse non avresti mai riso inutilmente.
Forse il cuore non avrebbe mai avuto
un battito così forte.
Le ferite non si sarebbero mai aperte
e le lacrime non avrebbero mai avuto
motivo di scendere giù.
E se il tempo si fosse almeno mai fermato
avrebbe perso il vento
o il sopravvento ad ogni momento
che ti ha straziato il cuore.
Forse ti avrebbe portato ancora fiori
con il sorriso sul viso e non su una pietra dura
con le parole incise: “Qui giace…”

A se il tempo non fosse mai esistito!!!

venerdì 15 dicembre 2017

ESSERE DIVERSO.

Ho voglia di essere diverso.
Ho voglia di camminare nudo dentro me stesso,
per vedere se mi detesto.
Ho voglia di girarmi controcorrente.
Ho voglia di sfacciataggine
per cancellare alcune mie pagine.
Ho voglia di essere sbagliato,
ma non posso, se scrivo e mi consolo
mi accorgo di essere me stesso.

sabato 9 dicembre 2017

ULTIMO BACIO.

Un bacio sulle palpebre chiuse,
Quale immenso segreto contiene,
Per scrivere per sempre Ti Amo,
Usò inchiostro verde del mare,
che l’oscura nube del tempo che va,
non potrà cancellare.
Vibrano le ciglia di una proibita voglia,
di un cuore non più primaverile,
che si muta, ma non dimentica.
A volte si ritrae nei ricordi,
che nulla sanno dell’oblio,
di vecchie trame che coinvolgono,
I battiti dei cuori.
Può il tempo placare quel ti amo,
Usò inchiostro nero del buio,
che quei baci rosso di sole,
potranno sempre cancellare,
Accarezzano le dolci onde,
di un ceruleo mare e cielo,
aspettando di palpebre chiuse,
Il sbocciar dell’unico crepuscolo,
(Costantino Posa)
 

sabato 18 novembre 2017

COME UN VENTO.

Passa il vento...un giorno 
una notte...il tempo. 
Un rimpianto mai voluto. 
Cosa resta di quel primo? 
Come un treno che sorpassa. 
Come un soffio che trascina.
Quanta fretta per chi sale!!

giovedì 9 novembre 2017

VERSI COSI' CALDI E GELIDI.


Ci sono inferni che non aspettano.
Ci vengono a trovare.
Si nutrono di dolori
e gioie arse al vento.
Ci sono inferni
che non hanno mai pietá
spavaldi...si vestono di fuoco
e di tempo
che non verrá mai piú.
Ci sono inferni
che non si accontentano,
roventi, durano poco,
ma lasciano il segno.
Dai grattacieli
e strade obbligate,
come cerini,
bruciano i nostri destini.
Ci sono inferni,
maledetti,
non hanno mete da inseguire.
Solo il gusto di ferire.

domenica 5 novembre 2017

TRA I PENSIERI VENTO...Costantino Posa

Tra i pensieri vento.


Vento nei miei occhi
persistente tra i ricordi.
Quel capo mai girato
e le voci,
splendide dei silenzi.
Come dighe che trattengono,
credono nei ritorni.
Sono certi, lei ritornerà.
Le certezze lo sanno già.
Voi non cercatemi altrove.
Non mi troverete mai.
Io sono come il vento lieve
mi riporto dove ero ieri.
Io sono come l'aurora,
appaio
quando gli altri dormono.
Io sono anche tuono.
Più mi sento solo, tuono.
Mentre l'umore cade
come le nubi delle sere
di fine estate.
Non mi troverete mai.
Io sono come un vento forte
anche ora sono altrove.

sabato 28 ottobre 2017

Domani c'e' il sole.


Da Costantino Posa
Uno, dieci, venti, trenta.
Trenta giorni di sole assente.
Quanto gelo e morte sulla gente.
Quante ali che non hanno retto.
Quanti fiocchi di neve fino al petto.
Finalmente al sole i panni
mentre tutti contiamo i danni.
Uno, dieci, venti.
Più di trenta bare e pianto.
Sono cuori nel silenzio.
Ho provato ad immaginare
una neve tutta bianca,
ma quel nero ci ricorda
che tra noi qualcuno manca.
Uno, dieci, venti, trenta
son da oggi già memorie.

lunedì 14 agosto 2017

ORA E' PER SEMPRE.


Ritornando al passato, al suo passato,
ho rivisto l'uomo, il ragazzo, le passioni, i sogni,
la voglia di arrivarci. Le sue sconfitte di allora.
Le sue mete mai raggiunte. Il suo amore di un tempo.
Come allora, ora e per sempre.
Il suo cuore nutre per sempre.
Il suo cuore a tratti intrappolato.
Mai vinto, quasi annientato, mai fermato.
Tra alberi di gioie che crollano fragorosamente,
macerie di sentimenti immerse nelle acque grigie
di ciò che a tutti accade.
L'ambiguità di certi momenti.
Le conquiste di ogni attimo.
Subito dopo la certezza di essere contento.
Allora, ora e per sempre.

venerdì 16 giugno 2017

PORTIERE DI NOTTE


Fragile come una foglia arida.
Immobile come. i pali a fianco.
Inutile
Come il tempo inesistente.
Si sa, ci sono prati verdi
e tanti altri solo sintetici.
Le immagini
si possono cambiare, ma
il vento, quello giusto
è quello che ti fa decidere
dove c'è il cuore.
Dove ti porta il cuore.
Le bandiere e gli ideali
sono cellule vitali.
L'eterno vitalizio
fa parte del sistema.
Se poi ti passa sotto il piede,
forse sei un po' così.
Mi sa che c'è di meglio.

venerdì 24 marzo 2017

POESIA PER UNA NONNA...1977


Ti ho vista un giorno ridere,
mentre perdevi una lacrima.
Ho sentito la tua felicità di quel momento.
Ho visto una luce di serenità
nei tuoi occhi chiari.
Ho sfiorato col pensiero il tuo cuore.
Ho sfiorato col cuore il tuo pensiero.
Ti ho vista partire.
Ho pregato per te, ora non ci sei più.
Ciao...rimani nel mio cuore.

mercoledì 22 marzo 2017

LE AURORE TRA I VENTI.


Ogni anno che passa
diventi sempre più bella.
Come il tuo nome
tra la brina del mattino.
Ogni anno che passa
la tua voce
come la luce di una stella.
Ogni anno che passa
i tuoi capelli
come le onde di un mare
che non sa ancora dove andare.
Ogni anno che passa
i tuoi occhi brillano
senza limiti e barriere.
Sanno inseguire
le luci del tramonto
fino al sorgere del sole.
Ogni anno che passa
sempre più alta,
dallo sguardo fiero
e dai pensieri
risvolti sinceri
in un profumo di fieno.
Ogni anno che passa
ti guardo e rivedo
il primo momento
fatto di luci e aurore.

Riflessi di un mare diverso.

mercoledì 22 febbraio 2017

LINGUAGGIO D'AMORE.


Si comprendo
come è giusto non prendere
tutto per scontato.
Quel linguaggio
in un corpo dimenticato
va continuamente rinnovato.
L'intimità non può farci paura.
Può solo sorprenderci
e quel corpo che cambia
sa che non potrà mai essere
come prima.
Meno intenso e convolgente.
Alcune cose cambiano,
si trasformano.
Altre si affinano
evitano la monotonia
e cercano,
come fosse la prima volta
il battito del cuore.
Senza di quello

PARADISO o INFERNO.

"Mi fermai di colpo, alzando gli occhi al cielo, verso quel mi faceva tremare. Macchie di cielo azzurro si intravvedevano per pochi ...