Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2015

LE CAMPANE SUONERANNO ANCORA.

Natale senza renne e neve bianca.
I fuochi d'artificio, l'uomo inerme
li ha subiti tutto l'anno.
Natale piange la mancanza di umanità.
Come il vento caldo di un deserto
che si ostina ad essere viltà.
L'occidente è un serpente
e l'oriente è la sua testa.
E' questione di mentalità.
Chi si esalta è fuori tempo.
Chi si fa saltare
era già assente per metà.
Natale senza penne e bianca neve.
Natale urla
si sente un pò dimenticato.
Natale geme,
si aspetta la bontà
o almeno un pò di pietà.

LE VIE DEL TEMPO INFINITO

Quelle strade sembrano non finire mai. Ma non sono solo a senso unico qualche volta tornano e raccontano. Parlano delle storie infinite e di tanti amori stroncati. Parlano dell'incapacità dell'uomo di essere in ogni tempo, uomo. Parlano delle vergogne che hanno cancellato persino le ombre dei mille carnefici. Parlano dei treni e dei binari inghiottiti dai forni. Parlano dei fili spinati e delle menzogne. Parlano dei ricordi, le urla che non smettono mai di urlare
e della speranza che tutto questo possa servire.

RIFLESSIONI.

E se fossero solo ombre?
E se fosse solo silenzio?
Senza screzi...senza forti emozioni
Se ci fosse almeno il vento?
A muoverne i contorni
E se le onde fossero meno ferme
Forse e' l'estate
Che arriva con frastuoni
E poi mesta va via
Senza lampi e tuoni.

CANTO di SIRENA.

Non basteranno cento pareti
a tener dentro mille pensieri
per noi dannati dall'essere perfetti.
Continuare il cammino
con gli altri condannati a morte.
Ogni tanto fermarsi
tra il mutismo e la voce
ad origliare il diavolo frettoloso
o l'angelo dignitoso.
Sentirlo sottovoce
quel canto di sirena che attira
e tante volte inganna.

Le giornate del mio tempo di Costantino Posa.wmv

SE SI POTESSE APRIRE QUELLA PORTA

In un attimo amo il senso del perché?
C'è sempre tempo per decidere
se andare avanti,
mentre il vento del scontento
entra prepotentemente
nella vita di tutti i giorni.
In un attimo che segue
raccolgo i pezzi sopravvissuti
alle menti senza senso.

Le ali sono fatte per volare
e non infrangersi
sulle rocce dei vuoti
e bui pensieri avversi.
In un attimo sento l'eco del perché?
non hai almeno risparmiato gli altri.
In un attimo c'è sempre il tempo
per decidere
se andare ancora avanti.

IL TEMPO è FATTO DI AURORE.

E' facile essere felici quando le cose vanno sempre bene. Sentirsi uomo e fare dell'universo la forza del pensiero. Difficile è essere uomo quando il vento forte ti punge il viso. Ti piega le ginocchia, un colpo alla schiena e il capo chino a cercare un pò del ieri. Il tempo non è solo il giorno che scompare. Il tempo è fatto dal momento che cambia e sostituisce ogni momento. Il tempo è chi ti manca. Il tempo è aria, sole, acqua e del viso s'accorge del sorriso. Il tempo è tanto di sapori contatti e baci sella pelle. la sabbia sollevata e le nubi accolte a vista nel vuoto e nel silenzio è facile arrendersi. Ma il tempo è fatto di aurore stagioni inaspettate. E' fatto di ritorni e di passi fatti avanti e poi l'amore è la forza di essere fiero.

L'ATTIMO CHE SCAPPA VIA.

Non guardare solo altrove. Ogni tanto cerca dentro. Ci sono file obsoleti. File infetti che devastano la mente. Non ti fanno ragionare. Non ti lasciano capire e il cuore va a stento. Le ragioni che ti spingono a volte sono inesistenti. Sono frutto delle voglie e le passioni che ti travolgono sono scelte disperate. Sono armi a doppio taglio per un pò fanno piacere. Per un pò fanno sognare ma il vento è più reale. Passa in fretta e non sa tornare.