martedì 21 ottobre 2014

CARNEFICI.



Dietro di noi il buio delle ombre.
Alcune compatte e ben visibili.
Altre sfuocate, allungate.
Tante volte macchiate di rosso
e filo spinato.

Anche la sabbia e la polvere
vorrebbero non contenerle.
Tante volte
si allontano da sole.
Temono i riflessi
e le immagini specchiate.
A volte irridenti
e dai movimenti indecenti.
Evitano il confronto
e parlano del buio che non esiste.
Non si rendono conto
che con il tempo
diventeranno
boia di se stesse.

lunedì 6 ottobre 2014

IL LENTO MUTAR. : EVOLUZIONE?

IL LENTO MUTAR. : EVOLUZIONE?: In fondo siamo meritevoli di condividere il fondo. Siamo falde che si calpestano. Siamo, a volte, vulcani che dormono, sbuffano e erutt...

PARADISO o INFERNO.

"Mi fermai di colpo, alzando gli occhi al cielo, verso quel mi faceva tremare. Macchie di cielo azzurro si intravvedevano per pochi ...