Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2012

Le giornate del mio tempo di Costantino Posa.wmv

INCREDULI STRAZI.

Come se avesse vissuto per ogni attimo Sempre lo stesso tragico attimo. Leggevo nei suoi occhi attoniti, bramosi di timori ben distinti.
Come se avesse di ogni attimo subito Sempre il farsi urgente di ogni spartito. Leggevo dei suoi gioiosi tormenti, avidi di paure di tanti momenti.
Come se avesse acceso di ogni silenzio Sempre lo stesso tacito aroma di assenzio. Leggevo nei suoi versi di corsivi avulsi, sazi di vibranti echi di impulsi.
Come se avesse di solitudine tinto la sorte Sempre il farsi di impellente morte. Leggevo dei suoi ultimi acri spiri, strazi di increduli, beati sospiri.

COME SIA POSSIBILE VEDERE LE STELLE.

Non potrà mai essere diversa la notte buia senza pelle inespressa,

se la luna scompare oltre quella duna.

Non potrà mai essere persa oltre l'indifferenza e vergogna.

Non stupirti se l'oscurità attraversa la vita, la rendono unica

se la luce del giorno riappare di albe in salita di ancora un domani.

Non stupirti se la verità riappare oltre quella duna,

non potrà mai essere persa se la notte apparirà diversa,

è destinata a scuotere l'anima, a svelarne il segreto

di come oltre la vita e la morte sia sempre possibile

vedere le stelle come le mete, oltre l'apparenza e la gogna

di tante inutili infelicità.

LA VALIGIA.

Si allontana nel grigiore di un distacco,

con sé soltanto una valigia di un sol ricordo.
Quello dell'abbandono,
Una valigia senza fondo,
il suo passo placido, si fa largo,
stralcia la pelle secca di un sol pensiero perfido.
Quello, senza rimpianto, di non voltarsi.
Ma il suo cuore lo sa che non può fidarsi,
se non si è persi, se non è oggi o non è domani,
se non è lei o un'altra, prima o poi,
se non è ieri sarà domani potrà stringere ancora le sue mani.

ANCORA AUTUNNO...Costantino Posa

Questo autunno che tarda a venire
costretto a tenere lo sguardo fisso
su quelle bacche rosse
che diventano sempre più rosse
e le foglie ormai rinsecchite
di un pessimo umore
che induce soltanto alla fuga.
Talvolta soffoca il pensiero
di ciò che sta per accadere.
Quasi certo che ci farà del male
e le notti intricate dei miei dolori:
Non ho paura,
ma c'è sempre qualcosa
di mutato
se il vuoto riesce
a riempirti il cuore.

LUCCIOLE...Costantino Posa

Solo dai nostri sospiri si capisce
se il momento è già domani.
Frammenti di presenze sparsi
tra le ceneri del tempo.
Smarriti come i pensieri
portati via dai venti autunnali.
I miei amori li lascio lì
in un cielo senza stelle
mentre una luna confusa
s'infrange sul continua a cercare.
Come l'impossibile,
che le lucciole cancellino
il buio.
Come i capricci del vento
che a volte soffia piano,
sempre da una parte
e la pelle punta i piedi:
"Non ho sentito nulla"
I miei ritorni li aspetto lì
sicuri del possibile.
Dove di sera, le lucciole
si caricano di pensieri.

VERSI UN Pò PERSI.

Collane di perle,
illuse al sole
a suon di sberle.
Lettere sospese,
da oltre un mese.
Incise di versi
di continui spasmi
e aliti persi
nelle notti di luna
d'insonnia velata
da sagome di fantasmi.
Se batte e si è soli,
lo avverti, sei solo.
Se batte e poi tace,
lo avverti, non sei solo.
In compagnia del buio,
paura e silenzio
non si è mai da soli.

IN LINEA.

Vi fu un altro silenzio,

alzò lo sguardo

e vide un pensiero astioso.

Non voleva più pensare a lei,

la notte era buia per dimenticare.

Non aveva mai conosciuto il rifiuto.

Lei era bella, strana e fulgida,

mentre le idee rimbalzavano

spezzate dalle onde dell'addio,

verso un " ci penserò più tardi ".

Tutto in linea con il mutar del tempo.

Ma il cuore sbirciò lontano,

gli mancò soltanto la voce.

la rotta gli sembrò buona.

Per un pò indossò la solitudine

come un mantello pigro

verso un inferno ululante

poi riprese il cammino.

IL PREZZO DEI SOGNI.

Quel precariato del desiderio
senza fiato ci costringe
a chiudere gli occhi:
E' normale sognare di più.
E' normale cogliere
il sangue perso dei cuori
spacciati dalle offese.
E i sogni, come cani randagi con tanta fretta di scappare;
sono tanti come gli uomini
capaci di fermare i No.
Sono ancora di più quelli
che non ci hanno mai detto Si.
Il prezzo da pagare?
Lo puoi fare...dimenticare i Flop
e chiudere gli occhi
sperando di essere
ancora in tempo
per sognare.